Site age: età del sito e posizionamento

Postato da regole-seo, in Approfondimenti SEO, in data 07/06/2010

site-age

Quanto incide la site age ovvero l’età di un dominio sul suo posizionamento nei motori di ricerca?

Matt Cutts interviene per darci delle risposte nel video che trovate infondo all’articolo.

Personalmente ritengo che l’età di un sito sia importante ma che incida solo indirettamente sul posizionamento. Prima di chiarire meglio questo aspetto ecco quanto ci dice Matt Cutts sull’argomento.

In sostanza alcune agenzie di web hosting stavano diffondendo delle e-mail secondo le quali Google “premiava” in termini di posizionamento nel caso di registrazione del proprio dominio per almeno tre anni.
Google però non ha mai detto nulla del genere.
Questa falsa informazione, suppone Matt Cutts, può essere derivata dal fatto che Google ha registrato (nel 2002) un brevetto che permette di utilizzare i dati storici di un sito per determinarne il posizionamento.

Dunque a livello teorico il periodo di tempo in cui un sito risulta registrato, così come anche l’autorevolezza e la popolarità durante il periodo di vita del sito potrebbero venire utilizzati da Google (insieme a tutti gli altri fattori) per determinare il ranking di un sito.

Matt Cutts precisa che Google brevetta moltissime idee ma questo non significa che tutte vengano utilizzate per determinare il posizionamento dei siti web in Google.

Il suo consiglio è dunque quello di puntare sempre e comunque sulla qualità del sito e dei suoi contenuti e la qualità dei link ricevuti. Questo fa la differenza indipendentemente dagli anni di registrazione del dominio.

Certamente l’età di un sito non incide direttamente sul posizionamento. Dire a prescindere, ad esempio, che un sito di quattro anni è posizionato meglio di un sito di un anno non ha assolutamente senso.
L’età però resta un fattore che può incidere indirettamente sul posizionamento in quanto maggiore è il tempo per cui un sito è presente sul web, maggiore sarà la possibilità di avere incrementato la sua presenza e la sua link popularity.

Come ci dice Matt Cutts Google può dunque basarsi sulle informazioni storiche relative ad un sito ma ciò che viene considerato è l’autorevolezza e la qualità allo scorrere del tempo.
Dobbiamo dunque ancora una volta tornare a concentrarci sui contenuti e sulle strategie per promuovere il nostro sito in modo efficace.

Il fatto poi, che grazie alla qualità e alla promozione dei contenuti, l’aumento della popolarità sia direttamente proporzionale all’età del sito credo che rientri nell’ordine naturale delle cose

Vi lascio al breve video di Matt Cutts relativo alla “site age e posizionamento

Commenti (1)

  1. casino scrive:

    Qual’è un buon sito per conoscere l’età del dominio?

Scrivi un commento