WordPress upgrade: passare alla versione 3 senza problemi

Postato da regole-seo, in Il Web, l'Universo e tutto quanto, in data 17/01/2011

Era da un po’ che mi bazzicava nella testa l’idea di aggiornare regole-seo alla nuova versione di WordPress.
Così, come avevo annunciato in un precedente post, ho approfittato delle vacanze natalizie e dell’entusiasmo di inizio 2011 per effettuare l’upgrade alla versione 3 di WordPress.

Nella quasi totalità dei casi il processo per l’upgrade di WordPress è rapido e indolore. Diciamo che conoscendo a memoria i passi da effettuare (e considerando anche la fase di backup) il tutto non richiederebbe più di 15 minuti.
Chiaramente il tempo aumenta poiché trattandosi di un’operazione “critica”, dovrete effettuare tutti gli step necessari seguendo meticolosamente le guide che vi segnalerò tra poco.

Anche nel caso di regole-seo tutto è filato liscio come l’olio (passando dalla versione 2.8 alla versione 3.0.4).

Devo ammettere che, avendo installato diversi plugin come ad esempio WordPress super cache ed essendo intervenuto anche manualmente sui file .htaccess e sui file php del tema che sto utilizzando, un po’ di timore che qualcosa potesse andare storto infondo al mio cuore era presente. :)
Il WordPress upgrade implica infatti l’eventuale aggiornamento di tutti i WordPress plugins installati.

Per questo ho voluto approfittare delle vacanze natalizie, in modo da poter avere la tranquillità giusta e il tempo necessario per fare le cose con calma e per poter correre ai ripari se qualcosa fosse andato storto.
Anche questa volta, invece, WordPress ha dimostrato di essere un prodotto validissimo e altamente affidabile.

Poiché esistono già delle ottime guide on-line che descrivono dettagliatamente le varie fasi del WordPress upgrade, semplicemente mi limiterò a elencare i vari passi che dovrete effettuare e a segnalarvi per ognuno di essi le criticità e le risorse più adeguate per condurre il tutto in sicurezza.

WordPress upgrade step by step

Innanzitutto è doverosa una piccola nota per prevenire un fastidioso “error 500″ che potrebbe verificarsi su host Aruba dopo l’aggiornamento di WordPress. Il problema, dovuto all’assegnazione di permessi non corretti, si verifica solo se WordPress è stato installato manualmente anziché utilizzando il Linux Applications Installer di Aruba.
Se dunque questo è il vostro caso e intendete effettuare il WordPress upgrade, seguite questa brevissima guida: Word Press: evitare “500-Internal Server Error”
Se invece ve ne siete accordi in ritardo, avete già effettuato il WordPress upgrade e vi state imbattendo nel famoso errore 500, qui trovate la soluzione al vostro problema: WordPress: Soluzione “500 internal server error”

Detto questo vediamo quali sono tutti i passi per realizzare il WordPress upgrade senza problemi:

  • La prima cosa da fare è verificare che tutti i plugin installati siano compatibili con la nuova versione di WordPress che installerete.
    Potete controllare la compatibilità sul sito ufficiale dei WordPress plugin oppure sul sito del produttore del plugin che vi interessa.
  • Il secondo passo consiste nell’effettuare due tipi di backup:
    • Il backup dei dati memorizzati nel database MySQL usato da WordPress e contenente i vostri articoli, i commenti e ogni contenuto o configurazione del vostro blog.
    • Il backup dei file del vostro sito.

    In questo modo se qualcosa dovesse andare storto avrete la possibilità di tornare indietro alla versione precedente.
    Per fare ciò potrete basarvi sulla guida al backup di WordPress.
    Il mio consiglio è anche quello di esportare il file xml contenente tutti i dati e i contenuti tramite la funzione “Esporta” che trovate sotto la voce “Strumenti” nell’interfaccia di amministrazione di WordPress.

  • A questo punto se ancora non lo avete fatto aggiornate tutti i plugin all’ultima versione.
  • Il quarto passo è quello della disabilitazione di tutti i plugin e dell’upgrade di WordPress utilizzando la funzionalità automatica (presente a partire dalla versione 2.7) oppure quella manuale.
    La guida “Updating WordPress” vi spiega tutto quello che dovete sapere su questo passo.
  • Infine non vi resta che riabilitare tutti i plugin precedentemente disabilitati.

A questo punto non vi resta che verificare che il vostro blog/sito funzioni ancora correttamente.
Se così non fosse ricordate di mantenere la calma e di restare lucidi. :)
Questo è il consiglio più saggio per trovare velocemente la soluzione al vostro problema! :P

Buon aggiornamento a tutti!

Commenti (1)

  1. Uffi… io vorrei aggiornare, ma mi sa che con le mie abilità ci metto un’ora, non 15 min…

Scrivi un commento